Smettere di Fumare – quali sono i benefici

antismoking-MAGAZINEPer smettere veramente di fumare e diventare un non fumatore devi aver chiari i benefici che puòi ottenere.

Sappiamo che fumare fa male alla salute, peggiora il nostro aspetto esteriore, ci fa spendere un sacco di soldi e così via. I numerosi danni che sono associati al fumo possono gradualmente scomparire dal momento in cui si smette, e inizieremo a vederne i benefici: respirerai meglio, spenderài meno soldi, la tua pella sembrerà più giovane.

Eppure tutto ciò non è sufficiente per far sì che la sua decisione di smettere sia efficace fino in fondo. Deve chiedersi perchè lei vuole smettere di fumare, quali sono i benefici che lei vuole ottenere? Questa può sembrare una domanda sciocca. Sa certamente perché vuole smettere: fumare danneggia la sua salute e le costa denaro. Ma sfortunatamente, tutto ciò non basta.

Il tuo nemico, la nicotina, è molto furbo e potente. Non bastano delle vaghe motivazioni, in quel modo rischi di ricadere al primo ostacolo. Il problema non è identificare il perché dovresti smettere, ma il perché vuoi smettere. Solo i motivi realmente validi per te possono spronarti a sufficienza, solo i benefici che risultano importanti per la tua vita sono un valido aiuto a smettere davvero.

Ad esempio potrei dirle: “Dovresti smettere di fumare perché il fumo causa il cancro”. E’ la verità ed è anche un ottima ragione. Ma tu potresti rispondermi dicendo: “E’ vero, ma io fumo da 15 anni e sto benone, vivo godendomi le gioie quotidiane e lascio al domani i suoi problemi”.

Personalmente ritengo sconsiderato un atteggiamento del genere, ma questa è una mia opinione. Se realmente questo fosse il suo pensiero, ogni mio sforzo per convincerti del contrario sarebbe vano. E la ragione “deve smettere perché il fumo causa il cancro” pur essendo valida e vera, non sarebbe un motivo adeguato per te.

La tua ragione potrebbe essere un’altra, ad esempio “Io voglio smettere perché i commenti dei miei figli sul fumo mi mettono in imbarazzo di fronte a miei amici”. Questa potrebbe essere davvero un valido motivo per te. Solo se la ragione è importante proprio per te, sarà d’aiuto nella tua lotta contro la nicotina.

Conseguenze negative del fumo e della nicotina

Devi avere ben chiare le ragioni e i benefici che può ottenere. E’ comunque utile ricordarle i rischi che corri continuando a fumare:

Salute personale

Hai il 25% di probabilità di morire prima dei 65 anni, esattamente il doppio rispetto a chi non fuma;

Se continui a fumare il rischio di morire durante il prossimo anno è una volta e mezzo superiore rispetto ad un non-fumatore.

Cancro

Fumare aumenta notevolmente il rischio di sviluppare un cancro. In particolare i fumatori sviluppano tumori polmonari e a livello della gola, bocca, labbra, seno, vagina, testicoli e prostata. Quando smetti il rischio si riduce progressivamente. Dopo 10 anni è simile a quello di chi non ha mai fumato.

Polmoni

Quando fumi inali migliaia di veleni, molti dei quali si depositano a livello polmonare. Si hanno così numerose conseguenze.

  1. La capacita polmonare di scambiare gas diminuisce. Questo vuol dire che diventa meno capace di assorbire ossigeno e rilasciare anidride carbonica. A riposo ciò non è evidente, ma lo diventa sotto sforzo;
  2. I bronchioli (le più fini diramazioni dei bronchi) vengono ostruiti. Ciò causa il collasso con conseguente infezione degli alveoli (piccole sacche d’aria presenti nei polmoni). La progressiva distruzione di queste strutture fa sì che nei polmoni si formino dei “buchi” sempre più grossi. Gradualmente si va incontro ad una situazione irreversibile detta enfisema. A questo punto il polmone non è più in grado di assicurare l’ossigeno all’organismo così ci si incammina verso la dipendenza dalla bombola d’ossigeno;
  3. Viene distrutto il meccanismo di auto-pulizia dei polmoni: il sistema di microciglia. Di conseguenza ogni germe, polvere o particella che respira non riesce più ad essere eliminata. Il muco tende ad accumularsi a livello bronchiale ed il corpo cerca di eliminarlo attraverso la tosse;
  4. Tutto questo materiale che si accumula (muco, batteri, virus, catrame…) tende ad infettarsi. Ecco perché chi fuma sviluppa facilmente bronchiti che gradualmente da acute ed occasionali si trasformano in croniche e continue;
  5. Con il passare del tempo il catrame ed i veleni che si accumulano a livello polmonare portano allo sviluppo di tumori.

Circolazione sanguigna

Fumare aumenta la pressione e la frequenza cardiaca. C’è anche un maggior rischio di ostruzione delle arterie. Sommando queste due conseguenze ne deriva un rischio doppio sia di  arresto cardiaco sia di morte per malattie cardiovascolari.

Il fumo danneggia le coronarie e i vasi sanguigni di tutto il corpo, rendendo più difficoltoso lo scorrere del sangue attraverso di essi. In casi estremi si sviluppa una malattia detta morbo di Burger. In questa condizione il flusso sanguigno è così alterato che le estremità (dita, piedi, gambe…) non più irrorate vanno in gangrena e devono essere amputate.

Più frequentemente quello che capita è un progressivo deterioramento della circolazione che si manifesta con una condizione detta “claudicatio intermittens”. Camminando si inizia a percepire dolore  muscolare (soprattutto al polpaccio) che obbliga a fermarsi.

Questo capita perché il muscolo, durante il movimento, non riesce ad avere il sangue necessario per le sue richieste di ossigeno. Man mano che il tempo passa la capacità di camminare senza provare dolore diminuisce così da costringere il malato a fermarsi sempre più spesso. Lo stadio successivo è lo sviluppo di ulcere e poi di cancrena a livello degli arti inferiori. Spesso ciò porta all’amputazione della gamba o del piede.

Fonte: www.dottorventura.it

http://www.dottorventura.it/smettere%20di%20fumare%20con%20l’auricoloterapia.html

https://www.smetteredifumare.uno/index.html

http://www.auricoloterapia.info/smettere%20di%20fumare%20con%20l’auricoloterapia.html

 

Dieci buoni motivi per smettere di fumare

Smettere copia

La maggior parte dei fumatori prova almeno due volte a smettere di fumare prima di riuscirci definitivamente. Il fallimento al primo colpo è quindi una cosa normale. Il fai-da-te e la forza di volontà non sono sempre sufficienti. Ecco 10 buoni motivi per chiudere con il fumo.

I

La menopausa a suo tempo, non prima.Il fumo può anticipare l`arrivo della menopausa di diversi anni. Inoltre le fumatrici rischiano di avere ossa più fragili: ogni 10 anni se ne va in fumo dal 2,3% al 3,3% della densità minerale ossea. Gli effetti peggiorano nelle donne dopo la menopausa.

II

La ricetta anti-age contro rughe e capelli grigi. Dopo 10 anni, il fumo accelera il processo di invecchiamento della pelle provocando il restringimento dei vasi sanguigni e danneggiando i tessuti, che perdono elasticità. Inoltre i capelli dei fumatori diventano grigi molto più precocemente rispetto al normale.

III

Meno vernice e meno lavatrice per non andare in bolletta. Spesso non ci si pensa, ma il fumo di sigaretta crea inestetiche macchie gialle difficili da togliere sui muri di casa. Il pensiero di dover ritinteggiare potrebbe essere una buona scusa per smettere. Lo stop al fumo fa bene anche ad altre voci dell`economia domestica. I vestiti “affumicati” per tornare puliti e profumati richiedono più acqua e quindi più detersivo e quindi più elettricità. Senza fumo, anche le bollette diventano più leggere.

IV

Come utilizzare l’’accendisigari per un fine più elevato. Fare a meno dell`accendisigari ha i suoi indubbi vantaggi. Ad esempio aiuta a tenere lontana la tentazione di accendere una sigaretta in auto, ma può essere una mossa decisiva per abbattere di colpo il tasso di “combattimenti” tra bambini sui sedili posteriori. IPod, DVD e Playstation si collegano infatti all`accendisigari dell`auto tramite un adattatore. I bambini viaggeranno più felici, senza inalare fumo passivo.

V

Il cioccolato, finalmente! È provato che senza fumo il cioccolato è decisamente più buono. Merito del palato e della lingua che riscoprono i sapori. Ma non solo. Contrariamente a quanto si pensa, nonostante gli effetti di lungo periodo sulle papille gustative, il fumo aumenta il desiderio alimentare, specie nelle donne, ed in particolare di carboidrati e di cibi ad alto contenuto di grassi.

VI

Fido e titti al sicuro. È dimostrato che il fumo passivo può provocare il cancro alla bocca e il linfoma nei gatti domestici, il cancro dei polmoni per cani e volatili.

VII

La pillola diventa più sicura. Per chi usa la pillola come metodo contraccettivo è necessaria una scelta. La pillola, infatti, non è raccomandata per le fumatrici perché i contraccettivi orali possono comportare un rischio di coaguli, attacchi di cuore e ictus. Questi rischi aumentano se si fuma.

VIII

Sonno e risvegli a prova di bomba. Risvegli difficili e sensazione di sonnolenza: secondo i ricercatori dell`Università Johns Hopkins, nel Maryland (Usa), i fumatori soffrono quattro volte più di disturbi del sonno. A quanto pare per colpa della nicotina, la cui concentrazione si riduce durante la notte. La mattina i problemi non finiscono. L`organismo dei fumatori “brucia” infatti la caffeina molto più velocemente. Quando si smette di fumare, quindi, è molto meglio ridurre le tazzine di caffè. Ne guadagnerà l`umore, ma anche le arterie ringrazieranno.

IX

Così le scale di casa somigliano meno all’Himalaya. Se “arrampicarsi” per le scale di casa è diventata un`impresa, smettere di fumare non potrà che aiutare a sentire meno la fatica. Fare a meno dell`ascensore, poi, aiuta anche a dimagrire. Se non bastasse, sarà interessante sapere che numerosi studi hanno confermato che smettere di fumare migliora le prestazioni, dal calcetto al lavoro. Una ricerca olandese ha dimostrato che i fumatori si ammalano di più: in un anno si assentano dall`ufficio mediamente 11 giorni in più dei colleghi non fumatori.

X

Una «botta» di vita. Ormai è certo, anche scientificamente: fumare non è sexy. Neppure il senso di sicurezza ne esce bene. Ricercatori inglesi della Peninsula Medical School hanno messo sotto esame circa 10 mila persone sopra i 50 anni. Qualità della vita a confronto, i fumatori se la passavano decisamente peggio rispetto al gruppo di non fumatori.

fonte salute24.ilsole24ore